Gestione Integrata Tributi

I servizi forniti da Gestione Integrata Tributi garantiscono un adeguato supporto nella quotidiana attività di gestione della tassazione tributaria locale. Tutti gli applicativi sono realizzati in tecnologia web.

Alla luce delle ultime modifiche introdotte alla Legge di stabilità 2014, tutti gli applicativi consentono una “gestione a sportello” in grado di rilasciare, al contribuente che ne faccia richiesta, l’F24 precompilato del tributo richiesto.

Tutti gli applicativi consentono di gestire e risolvere le problematiche connesse alla imposizione locale in tutti i suoi molteplici aspetti (liquidazione, accertamento, rimborsi, ecc.), in linea con le normative emanate e le successive modificazioni.

Le procedure sono state adattate alle modifiche normative e all’introduzione delle nuove imposte e nuove tasse/tariffe grazie anche ad una architettura informativa estremamente parametrizzata che consente in modo semplice e senza necessità di variazione al software la personalizzazione della procedura alle caratteristiche di ogni Regolamento comunale.

Gli applicativi consentono la gestione delle denunce (se la normativa le prevede), della tassazione inerente ai diversi tributi con l’emissione del modello F24/bollettino di c/corrente postale se il tributo non prevede l’autoliquidazione, dei controlli dei dichiarati, incrociando le informazioni con i dati di altre banche dati fra cui i dati dell’Agenzia delle Entrate-Territorio, le denunce TARSU/TIA/TARES, Siatel, versamenti F24; PRA, ecc nonché dei controlli sui pagamenti effettuati. Con l’emissione, se dovuti, degli avvisi di accertamento per il recupero dell’imposta/tassa non versata e/o l’accertamento di una situazione tributaria non corretta ovvero per la predisposizione , se dovuto, del rimborso dell’imposta/tassa versata.

Tutti gli applicativi consentono:

  • a) Condivisione ed aggiornamento in tempo reale degli archivi;
  • b) Collegamenti ed aggiornamenti automatici con la banca dati anagrafica dell'Ente, la banca dati catastale, le banche dati SIATEL e altre banche dati utili al controllo dell’evasione (ad esempio banca dati Pubblico Registro Automobilistico)

 

Gestione delle denunce

Gli applicativi consentono, ove previsto dalla normativa relativa al tributo da gestire, l'inserimento delle denunce, nello stato di fatto, senza controlli bloccanti: è possibile duplicare denunce da un intestatario ad un altro, ad esempio nel caso di denunce di due coniugi, al fine di accelerare le fasi di caricamento. Una serie di procedure eseguono controlli formali sui dati delle denunce presentate ed effettuano segnalazioni cartacee sulle anomalie riscontrate. I controlli sono parametrici: è possibile decidere se effettuarli o meno e, nel primo caso, effettuarli al fine di sola segnalazione cartacea o al fine di controllare le denunce per ottenere sia segnalazione cartacea che applicazione di sanzioni.

I controlli vengono effettuati con riscontro sui dati anagrafici, sui dati catastali, sui dati delle denunce IUC, su una delle banche dati messe a disposizione da Siatel, PRA, ecc. Se l’Ente gestisce la consistenza degli immobili tramite l’applicativo GAU (Gestione Anagrafe Urbanistica), i controlli sulle denunce potranno essere effettuati in modo completamente automatico dall’applicativo, portando la percentuale d’evasione di fatto molto vicino allo zero.

 

Le personalizzazioni

In fase di personalizzazione è possibile modificare le percentuali da applicare per il calcolo delle sanzioni, per la distinta applicazione del tributo TASI tra locatore e locatario in base a quanto stabilito dal Regolamento Comunale, l’imposta minima da versare, sia in fase di generazione del "Ruolo" di previsione dei pagamenti, che in fase di generazione delle rate.

E’ possibile gestire diverse aliquote, e diverse detrazioni per abitazione principale, a seconda delle agevolazioni o meno che il Comune decide di applicare, con data di inizio validità

 

I pagamenti

Dalle denunce, in automatico, l'applicativo genera un "Ruolo" che è da intendersi come una "previsione di incasso". Da questo "Ruolo" vengono generate le rate, come previsto dalla normativa di riferimento del tributo, al fine di ottenere per ogni contribuente lo schema completo dei possibili pagamenti.

Tramite archivio meccanografico, o tramite inserimento manuale, è possibile importare nell'elaboratore i pagamenti realmente effettuati dai contribuenti. La fase successiva consiste nella esecuzione automatica di controllo sui pagamenti effettuati; procedura che rileva le anomalie sia in termini di mancato o errato versamento, che in termini di ritardato pagamento, generando eventualmente sanzioni per ogni anomalia riscontrata. Tutti gli applicativi supportano la funzione di “allineamento dei pagamenti”, che, spalmano eventuali versamenti effettuati in eccesso sulle rate che risultano “incapienti”

 

I controlli e le sanzioni

Per effettuare controlli sulle denunce e sui pagamenti, gli applicativi mettono a disposizione una serie di liste di controllo predefinite sui principali riscontri possibili: liquidazione, accertamento, attribuzione rendita, rimborsi.

In aggiunta a queste procedure già preimpostate, è disponibile uno strumento di controlli parametrici disegnati dall’utente stesso. La scelta dei controlli da effettuare può avvenire con solo riscontro cartaceo o con generazione di sanzione; il messaggio dell’avvenuto controllo può, o meno, essere indicato sia sulle liste di riscontro che sulla lettera di notifica al contribuente.

Sia i controlli formali che i controlli sui pagamenti, oltre ad un riscontro cartaceo possono generare sanzioni. L’applicazione delle sanzioni rispetta le disposizioni normative contenute nei Decreti Legislativi n.471, 472 e 473 del 18 dicembre 1997 e successive modificazioni, in materia di sanzioni amministrative tributarie..

Le sanzioni vengono registrate su un apposito archivio meccanografico. Dall'archivio delle sanzioni registrate è possibile ottenere un avviso di accertamento disto per tipologia di violazione commessa, il bollettino postale o lF24 già precompilato, oltre a una lista di controllo sulle registrazioni dell’archivio sanzioni. Dopo 60 giorni dalla notifica, se non risulta pervenuto il pagamento, gli applicativi permettono di elaborare l’elenco dei contribuenti che devono essere sottoposti a ruolo coattivo o a ingiunzione fiscale.

 

Gli ambienti di simulazione

Come supporto decisionale, nei diversi applicativi, sono stati inseriti ambienti di simulazione che permettono di ottenere statistiche precise sulla base di informazioni ipotetiche, di effettuare previsioni di incasso al fine di modulare la scelta delle aliquote, utilizzando la banca dati reale del tributo.

Per procedere alle simulazioni, occorre prima di tutto inizializzare l’ambiente di simulazione, fase che importa all’interno dell’ambiente di simulazione, le informazioni e le consistenze reali del database denunce, con tutta la struttura tabellare.

E’ possibile effettuare più simulazioni. Per ognuna, l’elaboratore permette di “esplodere la simulazione”, fornendo un archivio interrogabile sia interattivamente che su supporto cartaceo. Le informazioni disponibili sono:

Le varie soluzioni possono essere utilizzate per eventuali modifiche alle deliberazioni comunali.

Tutti gli applicativi permettono di identificare quale delle simulazioni è stata adottata, e di validarla per l’ambiente di un dato anno: automaticamente la procedura adeguerà tutta la struttura tabellare dell’ambiente reale, alle definizioni della simulazione scelta.

 

Gestione documentale

Al fine di ridurre l'utilizzo di supporti cartacei, la suite UrbisNet-GIT prevede specifiche funzionalità per l'acquisizione ottica di documenti cartacei e per l'archiviazione in formato digitale di qualsiasi documento elettronico riferito a soggetti o a posizioni contributive gestite con la ns. suite.
Con la ns. gestione documentale è possibile acquisire e/o archiviare documenti elettronici, suddivisi per tipologia, direttamente dagli applicativi UrbisNet-GIT.
I documenti acquisiti vengono legati dinamicamente al contribuente, alla posizione contributiva (denuncia/dichiarazione), al pagamento, all'accertamento, o all'oggetto immobiliare a cui si riferiscono.
Conseguentemente si ha possibilità di gestire le documentazioni sotto forma di allegati, direttamente dal gestionale, durante le normali operazioni d'ufficio.

Con l'implementazione della gestione documentale le funzioni applicative verranno arricchite della “Gestione allegati”.

L'acquisizione avviene tramite due diverse funzionalità:

  • a) la funzione “allega”, permette di scegliere ed allegare un documento presente nel posto lavoro o in rete, come ad esempio una lettera, un fax, o una mail
  • b) la funzione “Acquisisci” permette di acquisire un documento cartaceo direttamente dallo scanner. La funzione “Acquisisci” gestisce direttamente lo scanner, senza necessità di intervento dell'operatore.

 

Tributi locali “a Sportello”

Tutti gli applicativi consentono la gestione del tributo in “modalità sportello”.

Questo modulo mette a disposizione dell’Ente gli strumenti necessari ad un servizio di sportello per il contribuente, per le problematiche legate ai diversi tributi locali che prevedono una gestione di denunce, alla luce anche delle novità introdotte dalla Legge di stabilità 2014 in materia di F24 precompilati.

Tutti gli applicativi utilizzano ambienti paralleli, al fine di salvaguardare l’integrità della banca dati tributarie

Nell’ottica del servizio al cittadino, gli applicativi dispongono di un modulo che permette l’utilizzo dei dati già in possesso dell’Ente, oltre ai dati forniti al momento dal cittadino (ad esempio in caso di variazioni), per ottenere, non solo la stampa dellìF24 correttamente compilato, ma anche la redazione delle eventuali denunce di variazione, su modulo ministeriale o comunale. In tal modo l’Ente può fornire un servizio di sicuro interesse per il cittadino, e contestualmente recuperare informazioni utili al completamento della banca dati tributaria.

Il modulo permette, inoltre, la stampa dei bollettini precompilati per tutti i contribuenti con posizioni “aperte” ad un determinato anno.

La procedura permette di accedere, via web, ad una serie di servizi tributari con l’obiettivo di consentire al contribuente di ottenere, via internet le informazioni necessarie per il calcolo dell’imposta, per elaborare la propria denuncia di variazione o anche solo di visualizzare la propria situazione di possesso presente nella banca dati del Comune in caso di invio di avviso di liquidazione o di accertamento.

Con @Urbisnet l’Ente è in grado di fornire servizi web ai contribuenti, agevolando nel contempo il lavoro del proprio ufficio tributi, in quanto @Urbisnet memorizza in archivi paralleli i dati delle pratiche avviate dal contribuente, permettendo all’ufficio di valutare ed eventualmente applicare le informazioni ai propri archivi senza necessità di ridigitare le informazioni stesse.

Aree di accesso

Si può accedere ai servizi web, attraverso login, in tre distinte aree:

  • • Area per il contribuente già registrato
  • • Area per il nuovo contribuente
  • • Area libera

Opzioni disponibili
I servizi web consentono di intervenire su:

  • 1. dati anagrafici
  • 2. immobili posseduti
  • 3. calcolo dell’imposta
  • 4. creazione della denuncia di variazione

I dati inseriti o variati dal cittadino non modificano automaticamente la banca dati del Comune. Le variazioni vengono salvate in un diverso archivio: è facoltà del comune verificarne l’attendibilità e soltanto successivamente aggiornare i propri archivi.
Le variazioni vengono salvate in un diverso archivio: e’ facoltà del comune verificarne l’attendibilità e soltanto successivamente aggiornare i propri archivi
In questo modo vi e’ un aggiornamento costante dell’archivio contribuenti, evitando difformità nei dati tra diversi uffici del comune

L’applicativo si integra in modo nativo con il ns. “Portale dei Pagamenti”.

Tramite il Portale dei Pagamenti, l’applicativo permette all’utente di effettuare il pagamento della tassazione con carta di credito, PayPal, conto corrente postale. Se l’Ente intende fornire questo servizio, dovrà stipulare la necessaria convenzione per il pagamento elettronico con un Istituto di Credito accreditato. Il Portale dei Pagamenti si integra con i principali istituti di credito, oltre che con Poste Italiane.

Area studi professionali/associazioni di categoria: è prevista un’area riservata per studi di commercialisti, CAAF, ecc. attraverso la quale possono usufruire, per i propri associati, di una serie di servizi connessi alla tassazione tributaria locale.

 

IMU

L’applicativo consente di gestire e risolvere le problematiche connesse alla imposizione I.M.U. come prevista dall’art.13 del Decreto Legge 201/2011 convertito nella Legge 214/2011 e successive modificazioni, in tutti i suoi molteplici aspetti (liquidazione, accertamento, rimborsi, quota stato, quota comune, ecc.)

La procedura gestisce la tassazione in chiave storica, è “adattabile” alle numerose modifiche normative fino ad oggi intervenute, grazie ad una architettura informativa estremamente parametrizzata che consente, in modo semplice e senza necessità di variazione al software, la personalizzazione della procedura alle caratteristiche di ogni Regolamento comunale e alle modifiche normative del legislatore nazionale.

L’applicativo consente la gestione delle denunce IMU, della tassazione inerente a detto tributo, sia con riferimento alla quota-stato che alla quota-comune, dei controlli sui dati dichiarati e sui versamenti effettuati incrociando le informazioni fornite da diversi enti fra cui l’Agenzia delle Entrate (ad esempio banca dati catastale fornita dall’Agenzia del Territorio, versamenti F24, ecc), SIATEL, PRA, ecc.

La procedura permette, inoltre:

  • • la condivisione ed aggiornamento in tempo reale degli archivi;
  • • collegamenti ed aggiornamenti automatici con la banca dati anagrafica dell'Ente, la banca dati catastale, le banche dati SIATEL e altre banche dati utili al controllo dell’evasione (ad esempio banca dati Pubblico Registro Automobilistico)

TARI

L’applicativo gestisce il tributo comunale sui rifiuti e sui servizi introdotto dalla Legge di stabilità 2014, evoluzione del tributo TARES, prevista dall’articolo 14 del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201 (convertito con modificazioni dalla legge 22 dicembre 2011, n 214) e abrogata a partire dl 01/01/2014.

L’applicativo consente di gestire tariffe differenti, sulla base di diversi fattori: in primo luogo in base alla quota fissa e alla quota variabile, alla utenza domestica e alla utenza residenziale, ma anche in base ad altre tipologie di fattori, al fine, anche di incentivare la “raccolta differenziata”.

Permette di gestire la composizione famigliare o, più propriamente, l’elenco delle persone che, nell’ambito residenziale, usufruiscono del servizio, al fine di permettere un riparto del carico economico anche in base al numero di componenti il nucleo. Se il gestionale è collegato al ns. gestionale UrbisNet-Dem, o al ns. CRM Territoriale, il movimento della denuncia, a seguito di variazione anagrafica, viene generata automaticamente.

L’applicativo gestisce le posizioni contributive in modalità storica. Ogni variazione che comporta una variazione di tariffa, con eventuale recupero d’imposta, si ottiene effettuando una storicizzazione della “vecchia posizione”, e un inserimento della nuova situazione dalla corretta data di decorrenza. Il gestionale, dal raffronto delle due situazioni, ricaverà gli importi da recuperare, e la situazione da utilizzare come base imponibile per il futuro.
In sede di movimentazione, il gestionale controlla che l’immobile non sia già dichiarato da un altro contribuente. Nel caso propone la sospensione della posizione al fine di evitare una doppia tassazione dello stesso immobile.
L’applicativo controlla le posizioni residenziali per verificare l’effettiva abitazione anagrafica. Controlla in anagrafe la veridicità di status di singolo, se per questa categoria sono concesse agevolazioni. Permette la generazione di ruolo per recupero differenza tariffe.

La tariffa è gestita a più livelli:

  • • categoria
  • • sottocategoria
  • • ripartizione metrica, intesa come distanza dal cassonetto

ed offre la possibilità di gestire un numero illimitato di agevolazioni, come:

  • • unico occupante
  • • disagio economico
  • • composter
  • • zona parzialmente servita
  • • centro storico
  • • ecc.

Ogni livello può variare la tariffa della categoria a importo fisso o in percentuale

TARI

Permette di gestire l'imposta con riscossione diretta, permettendo l'importazione dei flussi di pagamento da diverse fonti, effettuando la verifica fra gli importi a ruolo e i versamenti, in modo ottenere in evidenza i potenziali mancati pagamenti. TARI controlla le posizioni denunciate con la banca dati catastale, in modo da evidenziare le omesse o infedeli dichiarazioni.

TASI

L’applicativo gestisce la nuova imposta introdotta dal 01/001/2014 che assoggetta ad imposizione il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di fabbricati, compresa l’abitazione principale, le aree scoperte e le aree fabbricabili. Per la gestione della tassazione, l’applicativo recupera la base dati IMU adattandola alle peculiarità della nuova imposta quale, ad esempio, la ripartizione della tassazione tra locatore e locatario. L’applicativo TASI eredita dall’applicativo IMU tutte le funzionalità già presenti in tale gestione.

 

Vuoi piĆ¹ informazioni?

Compila questo modulo per richiedere informazioni o preventivi. Sarai ricontattato prima possibile.
Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.
L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.

Omnia Systems Srl Via Vignolese, 1273 - 41126 Modena fr. San Damaso
C.F. e P.I. 02114290360 - Phone: +39 059 468667 Email: info@omniasystems.com

Website created by Moschini.info